di Luisa Taliento

La-Thuile-IMG_0100-1200

Rilassante, refrigerante, tonificante. Quella “pioggerellina” sul corpo è uno dei piaceri della vita. Il primo modello meccanico venne brevettato nel 1767 dall’inventore inglese William Feetham, da allora sono passati 253 anni, ma questo rituale di benessere non ha perso il suo appeal, anzi. Secondo l’Associazione Italiana di Dermatologia, la doccia, ma anche il bagno, ha un effetto detox e de-stress, riduce gli effetti dell’inquinamento sulla pelle, mentre calma e rilassa la mente.

15530_11-1200

La prima regola d’oro per non seccare eccessivamente la culte è quella di prestare attenzione alla temperatura dell’acqua che non dovrebbe superare i 38 gradi e la durata non dovrebbe essere superiore ai cinque minuti, specialmente in caso di lavaggi frequenti.
Se fatta dopo, o tra una sauna e l’altra, la doccia dev’essere fresca, bagnando prima le gambe e i polsi poi il torace e la testa, anche senza l’uso di detergenti. Se, invece, si
usano saponi, è buona regola scegliere quelli formulati con sostanze non aggressive.

15415_01-1200

Grazie alla cosmetologia oggi sono disponibili prodotti preparati con ingredienti naturali, biologici, tollerabili, che agiscono per affinità, ovvero rimuovono lo sporco
presente sulla cute (matrice grassa) con sostanze lipofile, come un olio, una crema, un latte detergente, magari addizionato con vitamine e sostanze vegetali. Per coccolare la pelle e favorire il ricambio cellulare può essere utile, una volta alla settimana, massaggiare il corpo con una spugna naturale e creare così un delicato peeling che elimina le cellule morte senza lasciare rossori né pizzicori. Le spugne, dopo ogni utilizzo, vanno lasciate asciugare, per evitare la proliferazione di germi e batteri, e
cambiate frequentemente. Non tutti sanno che i capelli vanno lavati prima del corpo, perché i residui di shampoo e di balsamo possono occludere i pori (in particolare
sulla schiena) causando impurità e brufoli. Alla fine è fondamentale asciugarsi completamente con attenzione e completare la “beauty routine” applicando una crema o un latte fluido per idratarsi senza ungere, magari scegliendo prodotti che contengano vitamine E, estratti termali con azione addolcente, lipidi-ristrutturanti,
come olio di mandorle, avocado o burro di karité.