Dare unità a un progetto di tre ville indipendenti, e allo stesso tempo arricchirlo di nuove tecnologie senza che esse lo allontanino da un contatto con la natura, fu la sfida che un pool di professionisti, tra architetti, designer e tecnici dovettero affrontare nel progetto di ristrutturazione di Villa Butterfly.

Anche Effe vi prese parte, e guidata dalle direttive dell’Architetto Ferdinando Fagnola e di PAT. studio, diede vita negli interni di una delle tre abitazioni ad un angolo di benessere con hammam.

Il complesso di ville di Fagnola e Francione in Sardegna

Concepito da Ferdinando Fagnola e Gianni Francione negli anni ‘70, il complesso di ville è immerso nel cuore di un villaggio vicino alla Costa Smeralda, in Sardegna. Fin dal principio, lo scopo del progetto era dare vita a una costruzione perfettamente integrata alla natura e alla vegetazione. Per questo motivo, la struttura si compone di una serie di unità disarticolate che emergono dalla terra per confondersi nell’ambiente, diventando un tutt’uno che sembra voler più “nascondere se stesso, piuttosto che apparire”.

Nel 2011, i nuovi proprietari decisero di affidare un piano di ristrutturazione nelle mani di Fagnola che, aiutato da PAT. studio e altri collaboratori, nel 2018 portò a termine un brillante progetto di rinnovo.
Esso aveva una nuova missione: unificare tre delle cinque ville in un’unica proprietà, mantenendo intatta quella sensibilità ambientale del primo progetto. Risultato di questo ambizioso lavoro di redesign è l’introduzione di nuovi materiali, colori, tecnologie. A questi si aggiunse una riorganizzazione degli spazi, che, tra ambienti aperti e aree multifunzionali, creò un nuovo senso di unità, pur mantenendo distinte le funzioni nei diversi volumi.

Questa attività diede vita a villa #1, fulcro centrale in cui trovano spazio le camere padronali, la cucina e gli ambienti living, La villa #2, ribattezzata “Butterfly”, che ospita invece le guest room e la principale area di ricreazione del complesso, completa di zona relax, piscina e spa con bagno turco, e infine villa #3, in cui sono situate le camere del personale e un’area workshop per bambini.

Il progetto spa con hammam EFFE nella villa Butterfly in Sardegna

La spa con hammam fu il punto focale del progetto di ristrutturazione della villa, da essa si dirama infatti una struttura di metallo che cresce come una turbina attorno al cuore centrale e che ha portato alla creazione di un asse “urbano” che collega la piazzetta, le camere e la zona relax, cosa che offre all’intero progetto un vero spirito di comunità.

Dall’esterno, questo asse è un preludio alla zona spa con bagno turco, annunciato dalla vista della grande piscina a goccia.

Nuvola Smart Power per l’hammam di Villa Butterfly

Con i suoi sofisticati sensori e meccanismi ad alta tecnologia, l’hammam che Effe ha installato a Villa Butterfly promette ai suoi ospiti un’esperienza immersiva nel benessere naturale offerto da un bagno di vapore.

Nuvola Smart Power, questo il nome del modello installato dall’azienda cesenate, offre una perfetta gestione della temperatura e della densità di vapore grazie al sistema Smart Energy Control (SEC), che riduce i consumi senza cedere in prestazioni.

Le sua funzione Smart Water Filling (SWF) permette inoltre un’alternanza uniforme dei cicli di accensione/spegnimento delle termoresistenze e un’ottimizzazione del riempimento e svuotamento caldaia, garantendo così anche una diffusione costante del vapore.

E per un vero bagno di relax, l’erogatore dell’hammam è dotato anche di sistema di ventilazione che prende il nome di Power Steam (PSF) il quale riduce la stratificazione della temperatura all’interno della cabina.