di Luisa Taliento

13790_03-Effegibi_@2000px

L’acqua di solito si trova allo stato liquido, quella di mare, fiumi, laghi. Ma può passare allo stato solido, se si congela, oppure evaporare, passando così allo stato gassoso. È allora che compaiono nuvole leggere e impalpabili. Dal benessere all’igiene, dalla cucina alla medicina naturale, ecco dove il vapore diventa un alleato per la nostra salute.

 

I PIACERI DELL’HAMMAM

Si lascia l’accappatoio e si entra nell’hammam. Un gesto semplice, quasi un rito da fare quando si rientra a casa. Regala un grande rilassamento psicologico ma è anche un valido alleato per la salute. L’umidità, che nel bagno turco raggiunge il 100% con temperature che non superano i 48 °C, scalda il corpo che, per difesa produce sudore. Una reazione naturale che permette ai vasi sanguigni di dilatarsi, migliorando la circolazione del sangue e regolando la pressione. Il microclima all’interno dell’hammam contribuisce anche al rinnovamento cellulare, lasciando subito la pelle più luminosa e liscia, alla depurazione profonda di tossine, ed è uno strumento terapeutico per prevenire i disturbi della respirazione. Oltre al corpo, questa purificazione si estende anche alla mente. Questa pratica millenaria, infatti, consente di rilassare la muscolatura e liberare la mente dai pensieri negativi, per riportarla a uno stato di quiete, quasi meditativo.

14196_12-Effegibi_@2000px

UNA MEDICINA NATURALE

L’inverno porta con sé raffreddore, naso chiuso, mal di gola. Ma ci sono i cosiddetti “rimedi della nonna” che funzionano sempre. Stiamo parlando dei suffumigi quelli in cui si utilizza il vapore acqueo per liberare le prime vie aeree, favorire lo scioglimento del muco, decongestionare la gola. Soprattutto se all’acqua bollente vengono uniti altri ingredienti naturali, come il bicarbonato, gli oli essenziali di camomilla o eucalipto. Il principio è lo stesso anche per inalazioni e/o aerosol professionali, quelli eseguiti presso gli stabilimenti termali in cui vengono utilizzati apparecchi che frammentano l’acqua termale in particelle, formando un getto di vapore utile per prevenire e curare patologie come otite, rinite, sinusite, faringite, laringite, tracheite, bronchite e infiammazioni causate da fumo e smog.

14095_08-Effegibi_rgb8_@2000px

TUTTO IL GUSTO DEGLI ALIMENTI

Sarà per le tendenze vegetariane, vegane e salutiste che la cottura a vapore è tornata di gran moda. Cuocere a vapore, infatti, preserva del tutto le caratteristiche organolettiche e nutrizionali di ogni cibo, perché gli alimenti non sono immersi ma solo sospesi sul vapore bollente che li avvolge. In questo modo si può cuocere di tutto: verdure, pesci, carni bianche e perfino, come insegna la cucina orientale, ravioli ed altre varietà di pasta ripiena. Il modo più semplice è di utilizzare un forno a vapore o il wok, la pentola cinese dalla classica forma conica e con l’apposito cestello, che permette al calore di irradiarsi in maniera uniforme e lasciare i sapori inalterati.

PER PULIRE IN MODO ECOLOGICO

In tempi di pandemia l’alta temperatura del vapore è una soluzione efficace anche per la pulizia della casa. Un modo ecologico, perché non impiega detersivi, di igienizzare le superfici degli ambienti che frequentiamo, oltre a essere molto utile per eliminare polvere e acari da materassi, divani, cuscini e abiti, evitando allergie e problemi respiratori.